blog di Rosario

Sulla meritocrazia ottava parte

Davvero siete convinti che una società la cui selezione sia “meritocratica” permetta al talento di emergere a vantaggio di tutti? In realtà la storia sta li a dire di no. Basterebbe citare Verdi, non ammesso al Conservatorio, e se non bastasse citiamo l’inizio della carriera di Werner Heisemberg1 Se l’esame fosse stato un test e fosse stato necessario superare tutti gli argomenti con almeno la sufficienza, addio meccanica quantistica. Questo vuol dire che la scuola non deve valutare?

Sulla meritocrazia settima parte

In realtà non è così, cito da1:
“Giustificare la disuguaglianza economica: giudizi di valore e giudizi di fatto

Sulla meritocrazia sesta parte

Premessa: questa parte contiene delle traduzioni dall'inglese, poichè non son così sicuro del mio inglese, sarò grato a chiunque volese segnalare errori 

Sulla meritocrazia quinta parte

Seguiamo ancora Lasch:

Sulla meritocrazia quarta parte

Guardate cosa dice LASCH in merito alla classe sociale dei meritocratici:

Sulla meritocrazia terza parte

Cambiamo discorso, anche se molto resterebbe da dire.

Alesina e Giavazzi scrivono:

Sulla meritocrazia parte seconda

Continua il lungo articolo sulla meritocrazia

Sulla meritocrazia prima parte

Qualche anno fa scrivevo un articolo sull'idea di "meritocrazia". Venne molto lungo e, perciò, impubblicabile su internet. Lo propongo ora, a puntate, visto che l'idea torna in auge, o non è mai uscita, nel "frasario" politico.

Il carro ed i buoi

Una delle proposte più controverse del sottosegretario Reggi è quella di ridurre di un anno la durata della scuola secondaria di II grado. La proposta non è nuova, ma la motivazione o giustificazione si

La valutazione del docente

Uno degli aspetti più singolari del già singolare dibattito sulla scuola nel nostro paese è la questione della valutazione del docente. Intesa come valutazione del singolo distinta dalla valutazione degli apprendimenti o del sistema scuola.  

Pagine

Abbonamento a Feed RSS - blog di Rosario